STEFANO PAOLINI

Stefano Paolini

Classe 1970, ha studiato batteria sotto la guida di Baldo Turci, Ubaldo Rivi e Alfredo Golino. Nel 1992 si è diplomato in clarinetto presso il conservatorio “G.B.Martini” di Bologna e nel 2010 in musica jazz presso il conservatorio “F. Venezze” di Rovigo. Ha partecipato a diversi seminari jazz con docenti vari : T. Gurtu, G. Capiozzo, T.Lama, P. Erskine, D. Weckl, G. Novak, B. Stewart. Nel 1993 ha vinto la selezione per il corso di formazione professionale per orchestra jazz tenutosi a San Lazzaro di S. (BO) sotto la direzione di G. Russell, M. Gibbs, B. Tommaso, K. Wheeler. L’attività concertistica lo ha portato ad esibirsi in vari festival jazz italiani : “Jazz’in’it” Vignola, Reggio Emilia jazz, Umbria jazz Perugia, Bologna jazz, Siena jazz) ed esteri (Malta, Portogallo, Austria, Svizzera, Svezia, Finlandia, Norvegia, Turchia, Lussemburgo, Ungheria, Germania, Inghilterra, Spagna, Grecia, Olanda, Francia e Giappone) con vari artisti e formazioni : EUMIR DEODATO Europe Xpress & Europe trio, DEE DEE BRIDGEWATER, Marco Tamburini quintet & Three lower colours, KENNY WHEELER, JOHN TAYLOR, FLAVIO BOLTRO, GEORGE RUSSELL, MIKE GIBBS, REUNION BIG BAND, DADA’ ORCHESTRA, JAZZ ART ORCHESTRA, ITALIAN BIG BAND, MELDOLA JAZZ BAND, COLOURS JAZZ ORCHESTRA, BOB MINTZER, PAUL JEFFREY, SLIDE HAMPTON, MICHEL PORTAL & ORCHESTRA SIN-FONICA FONDAZIONE A. TOSCANINI, GEGE’ TELES-FORO, RAY MANTILLA, TONINHO HORTA, ENRICO PIERANUNZI, ANTONIO FARAO’, DAVE SAMUELS, ANTONELLO SALIS, GIANNI BASSO, PIETRO TONO-LO, RENATO SELLANI, JUSTO ALMARIO, AUGUSTO MANCINELLI, TOMASO LAMA, RANDY BERNSEN, FABRIZIO BOSSO, STEFANO BOLLANI, FUNKY COMPANY. Ha inciso dischi con vari artisti ed ha scritto ed arrangiato i brani presenti sul suo primo disco da solista “Stefano Paolini & the Big Small Band” (guest M.Tamburini). Già docente di batteria jazz al conservatorio “G.B.Martini” di Bologna e “F. Morlacchi” di Perugia, attualmente è titolare della cattedra di Batteria e percussioni jazz (COMJ/11) presso il conservatorio “F. Venezze” di Rovigo.